AMUNINNI

concept e coreografia Marco Laudani

Danzatori  Giuseppe Giuffrifa, Mario Guttà, Rachele Pascale, Claudio Scalia, Damiano Scavo.

“Amuninni”, ispirato al testo di Calvino “Le città invisibili”, descrive il fenomeno dell’immigrazione, le aspettative dei migranti e le loro ambizioni. Sogni e speranze che si scontrano con una realtà, quella dei paesi occidentali, “che non ha spessore”, che viene idealizzata e da cui, sempre più frequentemente, si vuole tornare indietro.

Un viaggio continuo, quindi, che riporterà tutti alla tradita patria, metaforicamente rappresentata dalla donna amata, alla riscoperta dei propri valori.

Calvino, scrive di porte d’alabastro, colonne di corallo e ville tutte di vetro visibili solo attraverso un primo e fugace sguardo, basterà voltare l’angolo per assistere alla realtà: “una distesa di lamiera arrugginita”, arroccata, chiusa. Un’immagine che descrive perfettamente le aspettative dei migranti tradite della realtà. 

****

“Guadato il fiume, valicato il passo, l’uomo si trova di fronte tutt’a un tratto la città di Moriana, con le porte d’alabastro trasparenti alla luce del sole, le colonne di corallo che sostengono i frontoni incrostati di serpentina, le ville tutte di vetro come acquari dove nuotano le ombre delle danzatrici dalle squame argentate sotto i lampadari a forma di medusa. Se non è al suo primo viaggio l’uomo sa già che le città come questa hanno un rovescio: basta percorrere un semicerchio e si avrà in vista la faccia nascosta di Moriana, una distesa di lamiera arrugginita, tela di sacco, assi irte di chiodi, tubi neri di fuliggine, mucchi di barattoli, muri ciechi con scritte stinte, telai di sedie spagliate, corde buone solo per impiccarsi a un trave marcio. Da una parte all’altra la città sembra continui in prospettiva moltiplicando il suo repertorio d’immagini: invece non ha spessore, consiste solo in un diritto e in un rovescio, come un foglio di carta, con una figura di qua e una di là, che non possono staccarsi né guardarsi.” (Italo Calvino, Le Città Invisibili)

 

 

Leave a comment